Le leggende sui Templari

Categorie Storia
convento templare

L’ordine dei Templari fu uno dei primi ordini religiosi cavallereschi cristiani formatosi nel medioevo. La nascita si colloca in Terra santa quando le forze cristiane combattevano contro quelle islamiche in nome della prima crociata che ebbe inizio nel 1096. Questo ordine religioso, come molti altri, nacque allo scopo di difendere i tanti pellegrini europei che giungevano a Gerusalemme e che, durante questo periodo di guerra, rischiavano di essere uccisi o derubati. L’ordine venne ufficialmente riconosciuto nel 1129 con l’appoggio di Bernardo di Chiaravalle. Questo ordine, oltre allo scopo per cui era nato, cioè la difesa del pellegrino, cominciò a creare un grande sistema produttivo agricolo nonché a gettare le basi per il più avanzato sistema bancario dell’epoca, grazie alla loro precisa e puntuale gestione dei beni dei pellegrini. Questa espansione del potere dei Templari negli anni non fu visto di buon occhio dal re di Francia Filippo il Bello che indisse un processo contro i Templari nel 1307 e, nel 1312 sospese l’ordine attraverso la bolla “Vox in excelso” del Papa Clemente V .

Alcune delle leggende sui Templari

elmo spada armaturaIl Templare nell’immaginario popolare resta una figura controversa a causa delle tante leggende che vengono ad esso attribuite a causa della segretezza di quest’ordine e della misteriosa rapidissima scomparsa dello stesso. Queste leggende sono di diverso tipo. Dal presunto legame con la massoneria, alla connessione tra i Templari e il Santo Graal per arrivare alle leggende sul loro famoso e mai scoperto tesoro.

La scoperta dell’America e Cristoforo Colombo

Una delle più famose leggende è quella che attribuisce il patrocinio della spedizione di Cristoforo Colombo proprio ai seguaci dei Templari: si pensa infatti che molti anni prima della scoperta di Colombo, già nel 1269, i Templari fossero a conoscenza dell’esistenza del nuovo continente. Questo perché possedevano una flotta molto grande non solo in porti da cui era facile raggiungere la Terra Santa ma anche nel porto francese di la Rochelle, situato sull’Oceano Atlantico , lontano quindi dalle rotte usuali. Da qui si dedusse che i Templari avessero altre rotte . Inoltre ci si chiede come mai Cristoforo Colombo abbia navigato con grande sicurezza in un oceano a lui sconosciuto senza finire sulle barriere coralline? Ci si chiede inoltre come mai è riuscito ad indovinare il percorso dei venti sia all’andata che al ritorno? Inoltre si racconta che Colombo promise la sua vita all’equipaggio stanco e infuriato se non avessero raggiunto terra entro tre giorni : e proprio il terzo giorno si intravide San Salvador. Come faceva Colombo a sapere che mancavano esattamente tre giorni all’arrivo? Inoltre fece molto discutere il fatto che vennero usati nelle caravelle stendardi con vele bianche ed una croce rossa proprio come lo stemma dei Templari.

Venerdì tredici

Il numero tredici era già dall’antichità considerato un numero infausto ( risalente al fatto che all’ultima cena i commensali erano in 13) . Tuttavia alcuni sostengono che la negatività di questa data risalga proprio al venerdì 13 ottobre del 1307, anno in cui Filippo IV di Francia ordinò di arrestare tutti i Templari

Le cattedrali gotiche

In tutta la Francia sorsero tra il 1200 e il 1250 le grandi cattedrali gotiche( quelle di Rouen, di Reims, , di Parigi, fino ad arrivare alla cattedrale gotica per eccellenza, quella di Chartres). Ci si chiede da sempre come abbiano fatto i Templari in così poco tempo a costruire quelle Chiese con questo stile innovativo che le fa sembrare leggerissime nonostante le tonnellate di materiale utilizzato. Le Cattedrali si innalzano verso il cielo come a creare un contatto tra il mondo umano e quello divino. Sono tutte poste allo stesso modo: con l’abside rivolto verso est (cioè verso la luce e tutte sono dedicate alla Vergine ( Notre Dame) e sono situate in posizioni particolari tali che se si uniscono i punti delle varie cattedrali si ricalca la costellazione della Vergine. Tutto ciò fa pensare che le chiese siano collegate al mondo della magia e dei misteri.

Il Graal

I Templari vengono anche associati al famoso Sacro Graal. Il primo a nominarlo fu Chretien de Troyes nella sua opera “Perceval le Gallois ou le Compte du Graal” nel 1190 , in questa opera viene descritto come un calice ma non c’è nessuna connessione con la figura di Gesù Cristo. Tale connessione venne fatta invece nel 1202 da Robert de Baron nella sua opera Joseph d’Arimathie ,nella quale si racconta che Giuseppe di Aimatea raccolse il sangue di Cristo in un calice. Questo Graal è legato anche alla stoia di Re Artù e di Merlino. Se ne persero le tracce dopo il 540 fino a riapparire nelle leggende medievali del XII secolo legato all’ordine dei Templari.

Origine del Jolly Roger

Una leggenda massonica narra del viaggio di tre templari partiti alla ricerca del luogo in cui fu ucciso Jacques de Molay, che fu l’ultimo Grande Maestro dell’ordine.Nel luogo dell’uccisione questi rinvennero solamente il teschio ed i femori. Si dice quindi che questi divennero il simbolo del Jolly Roger che è la bandiera dei pirati, con un teschio e due tibie sullo sfondo nero.

Il tesoro dei Templari

Molte leggende si basano anche sulla presunta esistenza di un tesoro appartenente ai Templari mai venuto alla luce . La sua storia risale al 70d.C quando i romani assaltarono il Tempio di Salomone e i sacerdoti per proteggere il tesoro lo nascosero nei sotterranei del Tempio ricchi di labirinti che portavano alla famosa stanza sacra “Sancta Sanctorum” dove Salomone nascose il suo tesoro

Esso era composto da importanti reliquie sacre, come l’Arca dell’Alleanza, la Vera Croce, la Sindone, il Graal, la Menorah (il candeliere a sette braccia completamente d’oro) e soprattutto documenti che rivelavano segreti iniziatici che quindi furono tramandati di padre in figlio nelle famiglie che, sfuggite all’attacco dei romani, fuggirono dalla Palestina in Europa . Queste famiglie di origine ebraica subirono nel tempo una forte cristianizzazione
fino a formare una specie di confraternita cristiana chiamata “Rex Deus”. Da questa potrebbero aver avuto origine i Templari che quindi hanno acquisito queste segrete conoscenze e le hanno tramandate nei secoli.

Si pensa che il tesoro o sia stato intercettato da Filippo il Bello o che restò in mano ai Templari anche dopo l’attacco del Re di Francia del 1307

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *