I film sui templari e la cinematografia su questo ordine di cavalieri e monaci

Categorie Curiosità
templari serie

Leggende e misteri che si intrecciano fra di loro. Radici che affondano nel Medioevo e giungono sino ai giorni nostri. L’eco delle storie che riguardano i cavalieri Templari, uno dei più noti ordini religiosi cavallereschi cristiani medievali, rimbomba forte ancora oggi, in perfetto equilibrio tra verità storiche, imprese reali e trame fantastiche tessute dai movimenti culturali che hanno caratterizzato il passato come, ad esempio, l’Illuminismo e il Romanticismo.

ultimo templariIl cinema, e non avrebbe potuto essere altrimenti, non poteva certo restarne fuori: tra storiografia, manoscritti e racconti ai confini del fantasy, ci si è trovati davanti ad un materiale pirotecnico e dal grande fascino che non poteva che dar vita ad una lunga serie di opere cinematografiche. Opere che hanno subito riscosso un meritatissimo successo, a riprova del sempre vivo interesse che il grande pubblico nutre nei confronti di quello che è uno dei capitoli di storia più affascinanti di tutti i tempi. Le origini dei Templari si collocano nei primi anni del anno 1000, e più precisamente riguardano la Terra Santa e Gerusalemme. Il periodo delle famigerate crociate per difendere la cristianità, per intenderci. Intorno al 1118, alcuni cavalieri decisero di fondare un ordine allo scopo di proteggere i luoghi santi e rendere sicuri i viaggi dei pellegrini che s’incamminavano da tutta Europa. Il nemico da affrontare erano gli islamici, considerati dalla Chiesa romana “usurpatori” di quei sacri posti i cui visse Cristo. Attorno ai Templari, però, aleggiarono sin da subito storie di leggende, strani riti, dalla simbologia al sincretismo religioso, fino al presunto forte legame con la massoneria.

Una manna per molti registi, che nell’ultimo secolo hanno approfondito la tematica portando sul grande schermo una lunga serie di pellicole imperdibili per gli appassionati dell’epoca medievale.

Dal Codice Da Vinci al Nome della Rosa

Il famosissimo thriller di Ron Howard, il Codice Da Vinci (anno di produzione 2006), basato sull’omonimo best-seller dello scrittore americano Dan Brown si può benissimo annoverare tra questi. Il protagonista, il professor Langdon, che viene interpretato da un magistrale Tom Hanks, ha a che fare con il Priorato di Sion, una società segreta legata ai Templari che si occupava di proteggere il Santo Graal, definita la fonte del potere di Dio sulla Terra. Rimandi a simboli, esoterismo e interpretazioni simboliche sono presenti anche nel più noto romanzo storico di Umberto Eco, Il nome della rosa, portato poi nelle sale dal regista francese Jean Jacques Annaud (1986) ed oggi sul piccolo schermo in una miniserie Rai liberamente ispirata al capolavoro che tanto successo ha riscosso nel secolo scorso. Il mistero dei Templari è invece un film del 2004 diretto da Jon Turteltaub, che vede protagonisti gli attori Nicolas Cage e Diane Kruger, una coppia ben collaudata e sempre vincente, alle prese con una ricerca di un tesoro perduto lasciato dai Templari all’interno di una nave di nome Charlotte noscosta sotto i ghiacci dell’Artide. Il film di Turteltaub ha riscosso un successo tale da spingere il regista e la produzione a riproporre una storia simile in un sequel dal titolo Il mistero delle pagine perdute, uscito nei cinema tre anni più tardi, ovvero nel 2007: l’argomento templari in questo caso è più marginale, in quanto il protagonista Ben Gates/Nicolas Cage è atteso da una nuova caccia al tesoro che riguarda addirittura l’uccisione del presidente americano Abraham Lincoln e la leggendaria città d’oro di Cibola, ma i riferimenti al tema non mancano.

Si continua a parlare di Templari anche nel cinema moderno

Nel 2005 fu prodotta una miniserie televisiva dal titolo La maledizione dei Templari, che in Italia è stata trasmessa in prima visione su Rai Uno. Il noto attore francese Gerard Depardieu interpreta Jacques de Molay, il Gran Maestro del Tempio, perseguitato e messo al rogo dal Re di Francia Filippo il Bello, desideroso di mettere le mani sul loro tesoro. Un mix di azione e storia lo ritroviamo invece nell’intrigante colossal di Ridley Scott del 2005 con Orlando Bloom ed Eva Green. Nella pellicola Le Crociate – Kingdom of Heaven ci si ritrova catapultati indietro di oltre un millennio, dove il protagonista Baliano s’imbarca per la Terra Santa dopo aver pronunciato davanti al proprio padre morente il giuramento dei Cavalieri. Uno dei più recenti in ordine temporale è L’ultimo dei Templari (2011), diretto da Dominic Sena. Curiosamente nei panni del protagonista figura di nuovo Nicolas Cage, stavolta in compagnia di Ron Perlman. La pellicola è ambientata nel XIV secolo: due cavalieri percorrono la Terra Santa durante le Crociate Smirniote, ma durante il loro rientro dovranno far fronte a svariate peripezie, tra monaci, epidemie di peste e stregoneria. Si parla di Templari anche in Assassin’s Creed, film del 2016 con Michael Fassbender e basato sull’omonima serie videoludica e ambientato nello stesso universo dei videogiochi. Con l’intento di ritrovare un manufatto conosciuto come Mela dell’Eden, al centro di un millenario conflitto tra le società segrete degli Assassini e dei Templari, il protagonista Callum Lynch è costretto a rivivere i ricordi di un suo antenato vissuto ai tempi dell’Inquisizione spagnola.